Blog

10 Regole per un Ferragosto eco-friendly!

10 Regole per un Ferragosto eco-friendly!

  • a cura dell'Avv. Daniele Carissimi
  • 13 Ago 2019

Che fate a Ferragosto?

Sia che decidiate di organizzare una grigliata al parco, o un pic-nic in campagna, o ancora un falò sulla spiaggia, ricordiamoci di farlo sempre all’insegna dell’ambiente.

Ecco dunque 10 semplici regole per goderci un Ferragosto eco-friendly:

1. Muoviamoci a piedi, in bicicletta o condividendo la macchina con gli amici.

Nell’attuale scenario globale anche il come ci muoviamo può fare la differenza. In una società dove il numero di auto in rapporto alla popolazione tende a crescere sempre di più, un Ferragosto all’insegna del green significa innanzi tutto muoversi a piedi, in bicicletta. In alternativa, se ciò non risulta possibile, è senz’altro da preferire l’utilizzo di mezzi pubblici oppure forme di condivisione dell’auto, ad esempio con amici o parenti. In ogni caso, ricordatevi di non esagerare con l’aria condizionata!

2. Utilizziamo borse di stoffa o cestini da pic-nic

Quando andiamo a fare la spesa, per acquistare tutto il necessario per la buona riuscita della festa, ricordiamoci di portare con noi buste di stoffa riutilizzabili, così da evitare lo spreco di sacchetti di plastica. E per chi volesse dare un tocco di originalità al proprio pranzo, c’è sempre il tipico cestino di vimini in cui riporre ogni sorta di prelibatezze!

3. Usiamo piatti, posate biodegradabili o riutilizzabili e tovaglie di stoffa

La prima cosa da fare se si desidera organizzare un pranzo al sacco o una grigliata all’aperto che non danneggi l’ambiente è cercare di produrre meno rifiuti possibile. Ecco che allora portare da casa piatti in ceramica e posate lavabili è la soluzione migliore, considerato che al termine della giornata basta raccogliere le stoviglie utilizzare e lavarle una volta fatto ritorno a casa. In caso di gruppi numerosi, per i quali ciò risulta di difficile realizzazione, mi raccomando, non utilizziamo forchette e coltelli in plastica monouso ma preferiamo quelli biodegradabili o in legno che ormai si trovano senza difficoltà nei supermercati.
Allo stesso modo, perché non scegliere le classiche tovaglie da pic-nic in stoffa a quadri bianchi e rossi che possiamo con altrettanta facilità lavare una volta a casa? Si tratta di gesti semplicissimi ma importanti per l’ambiente!

4. Scegliamo prodotti di stagione e a chilometro zero

Ma veniamo al cuore della festa: il pranzo! Sia che decidiate di cucinare o di comprare il cibo fuori casa, assicuratevi sempre che i prodotti siano di stagione e “locali”.  Informatevi sempre sulla provenienza e sulla filiera produttiva di quanto acquistate e mangiate. Acquistare prodotti a chilometro zero significa, infatti, contribuire anche a ridurre l’inquinamento derivante dal trasporto di frutta e verdura coltivati in luoghi molto distanti e a diminuire l’utilizzo di sostanze chimiche aggressive favorendo invece i prodotti è possibile conoscere le caratteristiche e i metodi di coltivazione.

5. Attrezziamoci con barbecue sostenibili

Per chi festeggia Ferragosto con una grigliata, sia essa di carne o di pesce, le tecniche per tutelare l’ambiente non mancano. Come è noto, l’utilizzo di legna o carbonella durante la cottura, determina il rilascio in atmosfera di ingenti quantità di anidrite carbonica. Ecco che allora per ridurre l’impatto ambientale senza rinunciare ad un pranzo di tutto rispetto, l’ideale sarebbe optare per griglie a gas o elettriche se non addirittura per il green barbecue a energia solare che garantisce un altrettanto efficace cottura dei cibi senza l’utilizzo di resistenze o di piastre riscaldate. 

6. Mettiamo l’acqua in borraccia o scegliamo il vetro

Nella scelta delle bibite che ci accompagneranno durante tutta la giornata,  l’azione  più sostenibile è certamente quella di portare l’acqua nelle borracce, per evitare il consumo di ingenti quantità di bottiglie di plastica. Nell’acquisto delle bibite come coca-cola, birre o succhi di frutta, invece, la scelta del vetro è quella da preferire, magri accompagnata da forme  di “vuoto a rendere”.

7. Prendiamo l’abitudine delle “doggy box” per il cibo in eccesso

Come spesso accade in queste occasioni di incontro e di festa – dove la compagnia è numerosa e non è facile stabile con certezza le quantità di prodotti da acquistare e cucinare – il cibo è sempre in abbondanza e il rischio che avanzi e venga sprecato è altissimo. In questo caso un’ottima soluzione è quella di portare da casa contenitori riutilizzabili dove riporre il cibo non consumato e conservarlo, se possibile, per il giorno successivo, oppure, in caso contrario, per fare il compost e concimare l’orto. 

8. Raccogliamo i nostri rifiuti e differenziamo correttamente

Una volta terminato il pranzo, è bene non lasciare nell’ambiente alcuna traccia del nostro passaggio. Tutti i rifiuti devono dunque essere raccolti e conferiti correttamente negli appositi contenitori se presenti nelle vicinanze. In caso contrario, occorre riporre i rifiuti prodotti in un sacchetto e portarli a casa per dividerli correttamente in seguito, prestando attenzione, se si è fuori città o in vacanza, alle specifiche regole imposte da ogni Comune.

9. Facciamo attenzione ai mozziconi di sigaretta

Infine, per non cadere in errori da principianti, è importante stare attenti a non abbandonare i mozziconi di sigaretta sul prato, nel bosco o in spiaggia. Il tempo necessario ad una sigaretta per degradarsi nell’ambiente è infatti di più di 10 anni, senza contare poi il rischio di incendi che un mozzicone non perfettamente spento può provocare, soprattutto nel periodo estivo quando le temperature sono molto alte e in alcune zone vi è siccità.

10. Portiamo sempre con noi i sacchetti per i cani

Per concludere, se si sceglie di passare il Ferragosto in compagnia del proprio amico a quattro zampe, occorre attrezzarsi per non lasciare nell’ambiente neanche le tracce del suo passaggio! Ecco che allora basta ricordarsi di portare con sé i sacchetti per raccogliere le deiezioni degli animali, soprattutto in spiaggia o nei parchi pubblici dove vi sono spesso specifiche regole e zone appositamente organizzate per accogliere gli animali.

Queste sono le 10 regole d’oro per trascorrere un Ferragosto eco-friendly all’insegna delle buone abitudini per rispettare l’ambiente che ci circonda e averne cura. 

Si tratta di gesti facili e all’apparenza insignificanti, ma che, se compiuti e ripetuti da tutti, sono in grado di fare la differenza! 

Ah! Quasi dimenticavo! Buon Ferragosto 😉

Avvocato Ambientale

Daniele Carissimi

Resta aggiornato

Iscriviti alla Newsletter

Our monthly newsletter with a selection of the best posts

Privacy Policy

Ambiente Legale
Studio Legale Carissimi